Nido EV – Pininfarina ci prova con l’ auto elettrica……….

165703112-31aeaead-0c30-4989-aee3-8030ba7015e2.jpgA tre anni dalla scelta di entrare a far parte dei costruttori che rivolgono un occhio la futuro, Pininfarina svela il primo prototipo marciante del “Programma di Sviluppo Nido”, una vettura elettrica interamente disegnata, progettata e costruita nel Centro stile e ingegneria Pininfarina sito nelle vicinanze di Torino.

L’ auto rientra nella scelta operata dall’ azienda, di puntare sulla mobilità sostenibile, tramite l’adozione di una catena di trazione ibrida o elettrica, una ricerca inerente la riduzione dei consumi e delle emissioni, l’utilizzo di materiali alternativi, più leggeri e riciclabili, con uno spazio rilevante alla sicurezza attiva e passiva e all’informatica, che dovrà permettere l’uso sostenibile dei mezzi di trasporto con una gestione intelligente del traffico.

Lo stile
Nido EV ripercorre i presupposti della concept car del 2004 che vinse Premi come, L’ automobile più Bella del Mondo per la categoria Prototipi e concept car, il Compasso d’Oro 2008, e finì esposta nel tempio dell’arte moderna, il MoMA di New York.

Ricordiamo che questa vettura è ancora in fase di progettazione, infatti quella presentata ha una struttura formata da un traliccio tubulare di acciaio, mentre la versione definitiva verrà realizzata con uno space frame in alluminio. In ogni caso è progettata per essere prodotta in quattro differenti modelli completamente elettrici o ibridi: 2 posti, 2+2, pickup e van leggero.

La versione definitiva di questa city car, avrà solo due posti ma verrà sviluppata in due versioni con dimensioni leggermente maggiori.

La prima, ibrida con il motore endotermico posizionato nella parte anteriore ed il motore elettrico nel posteriore.

La seconda, elettrica con il motore nella parte anteriore.

In entrambi i casi, il posizionamento del motore consente di aumentare l’abitabilità a 4 posti e ottenere una migliore ripartizione delle masse.

L’ alimentazione della vettura è basata su una batteria Zebra Z5 al Ni-NaCl, che offre notevoli livelli di sicurezza e affidabilità.

L’autonomia a carica completa è di 140 km e la velocità massima di 120 km/h, con un’ accelerazione 0-60 Km/h in 6,7 secondi.

La compatibilità ambientale della batteria Zebra Z5 è accresciuta dalla totale assenza di sostanze chimiche nocive o inquinanti e dalla loro riciclabilità al 100% a fine vita.

Tali batterie, infatti, vengono riciclate in fonderia per poter essere utilizzate nella produzione di acciaio inox.

Il prototipo è inoltre equipaggiato con pneumatici “verdi” sviluppati da Pirelli con particolare attenzione alla sicurezza, alla sostenibilità ambientale e al risparmio.

Un altro prototipo, che si va ad aggiungere, ai numerosi presentati dalle varie case automobilistiche, nel frattempo però, non si vede neppure l’ ombra delle famose colonnine per la ricarica delle batterie di queste vetture.

Per non parlare delle dimensioni limitate della maggior parte dei prototipi presentati, vere e proprie city car, che difficilmente riusciranno a soddisfare le esigenze di un intero nucleo famigliare, risulta quindi difficile, credere ad un esodo massiccio verso questo tipo di automezzo, una volta messo sul mercato, a patto che non venga considerata come seconda auto.

Inoltre, ad oggi, il costo di questi prototipi risulta ancora molto elevato rispetto ai modelli tradizionali, questo potrebbe, se non si trova una soluzione a livello di produzione industriale un altro Gap significativo da colmare, se si vuole incrementare sostanzialmente la fetta di mercato occupata da queste vetture.


Questi sono solo alcuni aspetti, che ancora non sono stati chiariti, e che cominciano a mettere in dubbio, l’ utilità degli sforzi fatti dai progettisti, per incanalare la produzione automobilistica sulle vetture ad alimentazione elettrica.

Speriamo, che a breve, comincino ad affluire risposte attendibili a tutti i quesiti che ancora rendono scettici i consumatori a riguardo di questi prodotti.

Nido EV – Pininfarina ci prova con l’ auto elettrica……….ultima modifica: 2010-05-22T17:12:00+02:00da andato63
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “Nido EV – Pininfarina ci prova con l’ auto elettrica……….

I commenti sono chiusi.