Auto elettrica, come ricaricarla a casa o in giro

este_852_04550.jpgOltre ogni dubbio che ci si faceva, Enel ha confermato che per ricaricare l’auto elettrica basterà installare nel proprio garage un contatore praticamente uguale a quelli già usati per la luce.

In alternativa vi saranno colonnine installate in strada in punti strategici concordati con le amministrazioni locali.

Queste sono le due modalità, inerenti la ricarica delle auto elettriche, studiate e realizzate da Enel, entrambe collegate con una stanza di controllo che, grazie a una tecnologia in Gprs, potrà verificare in tempo reale la situazioni delle stazioni di ricarica, attivare eventuali manutenzioni e prevedere eventuali prenotazioni.

I due sistemi, quello privato nel proprio garage e quello delle colonnine pubbliche, sono stati presentati all’interno della Electric City allestita da Enel al Motor Show di Bologna.

Non ci sono tasti, basta appoggiare una carta di ricarica alla colonnina.

Le prime colonnine e i primi contatori, sono già’ a disposizione dei clienti del progetto pilota studiato da Enel con Smart tra Pisa, Roma e Milano.

Per ricaricare un’auto elettrica da zero servono sei ore, che corrispondono ad un’ autonomia di circa 135 chilometri di percorrenza, a breve sarà possibile avere anche un’applicazione I-Phone per individuare le colonnine più’ vicine e la loro fruibilità’.

Il primo bilancio e’ positivo e ora Enel sta lavorando con l’autorità per l’Energia per studiare incentivi verso i potenziali clienti, nel progetto infatti, l’allacciamento non ha costi, ma per il futuro Enel vorrebbe trovare delle condizioni da praticare che siano sostenibili per tutto il territorio nazionale.

Auto elettrica, come ricaricarla a casa o in giroultima modifica: 2011-01-07T21:38:00+01:00da andato63
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “Auto elettrica, come ricaricarla a casa o in giro

I commenti sono chiusi.