Milano Smog – AREA C in un mese 30% di auto in meno

Milano, Smog, AREA C, Traffico, Automobili, Salute pubblica, Diritti dei cittadini, Aria Qualcosa a Milano si muove e non sono auto, tra mille recriminazioni la sperimentazione del traffico limitato prosegue, il link qui sotto riportato vi porta dritti ai primi risultati :

Il ticket di ingresso da cinque euro nel centro di Milano ”sta funzionando anche meglio di quanto avessimo preventivato”: parola del sindaco Giuliano Pisapia, a un mese dall’avvio del provvedimento, che e’ partito lo scorso 16 gennaio.

Dopo i primi trenta giorni e’ dunque tempo di bilanci: e i numeri dicono che in centro sono entrate 700 mila auto in meno (circa -33% al giorno), che le metropolitane hanno registrato un milione di passeggeri in piu’ e che gli incidenti stradali sono dimezzati (-51,75%). E con meno macchine in giro, secondo il Comune, si e’ liberata dal traffico una superficie di 400 mila metri quadrati, in pratica 56 campi di calcio della dimensione di San Siro.

”La riduzione delle auto e l’incremento dei passeggeri sui mezzi pubblici – ha detto l’assessore alla Mobilita’ Pierfrancesco Maran – dimostrano che i milanesi stanno cambiando abitudini”. Oltre la meta’ delle macchine (50,4%) e’ entrato in Area C una sola volta. Solo lo 0,9% e’ entrato tutti i giorni. E per quello che riguarda i residenti: il 5% delle auto e’ entrato per almeno 15 giorni, circa un terzo e’ entrato massimo per due giorni e poco meno (cioe’ il 30%) non e’ mai entrato.

Il calo massimo di auto c’e’ stato soprattutto nelle prime due ore della mattina (dalle 7,30 alle 9,30), con una diminuzione del 40% degli ingressi. Il giorno in cui sono entrate meno macchine e’ il 23 gennaio (67.000) quello di picco massimo il 9 febbraio, con 91.700 ingressi (comunque meno dei 122 mila di media precedente).

”I risultati – ha sottolineato il sindaco – dicono che abbiamo imboccato la strada giusta”

Milano Smog – AREA C in un mese 30% di auto in menoultima modifica: 2012-03-13T21:55:00+01:00da andato63
Reposta per primo quest’articolo